“Innanzitutto i fenomeni di malaffare dimostrano che c’era bisogno di dotare il sistema sanitario di indicazioni chiare, mirate, studiate su misura in considerazione della specificità e della complessità organizzativa e relazionale delle strutture sanitarie. Certo, le regole previste nell’aggiornamento al Piano Nazionale Anticorruzione (PNA) dedicate al settore sanitario, da sole, non possono incidere sulla coscienza individuale, sul personale senso etico dell’utilizzo di risorse  pubbliche, ma servono a promuovere negli ambienti “a rischio di condizionamenti” la cultura della legalità, della trasparenza, che restano le vere armi per isolare le “mele marce”.” (leggi tutto e guarda il video)