AGENAS e FNOPI: Giornata conclusiva del primo Corso di Alta formazione per dirigenti infermieri

“A conclusione di questo primo, intenso Corso di Alta formazione per Dirigenti infermieri, oggi ho potuto assistere ad un incontro tra professionisti profondamente motivati, convinti, partecipi e preparati ad affrontare le sfide future. – Dichiara Francesco Bevere, Direttore Generale di AGENAS – Siamo soddisfatti di quanto la sinergia con FNOPI abbia saputo generare un percorso manageriale e valoriale dedicato a figure professionali che, ancora una volta, documentano di essere centrali per garantire lo sviluppo crescente di formule assistenziali innovative, con particolare riferimento ai temi della cronicità, della disabilità, ma di fatto, al tema dell’assistenza territoriale in generale.”
Leggi tutto a questo link

Bevere (Agenas): “Bene l’impegno anti-corruzione del Lazio”

Il direttore generale di Agenas ha preso parte in Regione a un incontro con l’assessore D’Amato e i direttori generali delle Asl per fare il punto sui Piani di prevenzione della corruzione in sanità adottati dalle Asl.
Si è svolto oggi presso la Regione Lazio un incontro tra l’assessore alla Sanità e l’Integrazione Socio-sanitaria Alessio D’Amato, il direttore generale di Agenas (Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali) Francesco Bevere e i direttori generali delle Asl accompagnati dai responsabili della prevenzione della corruzione delle Aziende sanitarie.

L’obiettivo era quello di fare il punto sui Piani di prevenzione della corruzione in sanità adottati dalle Asl.

“Una buona pratica in materia di trasparenza e integrità, quella promossa oggi dalla Regione Lazio”, ha dichiarato Bevere.

Leggi l’articolo

Insediamento Osservatorio nazionale delle buone pratiche sulla sicurezza nella sanità

“È un mosaico che si ricompone. Con l’Osservatorio ci si avvia verso il superamento della frammentarietà in tema di sicurezza delle cure e si va verso quell’unitarietà, presupposto necessario affinché attraverso l’attività di monitoraggio dei fattori e delle cause degli eventi si possa raggiungere una concreta attività di prevenzione dei rischi, coinvolgendo direttamente i principali attori delle organizzazioni sanitarie per consentire un efficace coordinamento dei comportamenti della cultura degli operatori sanitari, ad ogni livello”.
Leggi tutto a questo link

Infermieri. Bevere (Agenas): “Conferma Mangiacavalli premia capacità di farsi interperete dei cambiamenti in atto”

Così il Direttore Generale di Agenas commenta la conferma di Barbara Mangiacavalli alla guida dell’Ipasvi. “Questa continuità consentirà ad Agenas e Ipasvi di proseguire in una collaborazione proficua già rodata e di non disperdere i tanti lavori in corso, dai percorsi di formazione rivolti alla dirigenza infermieristica, alla riorganizzazione della rete ospedaliera, con uno sguardo particolare alla medicina del territorio”.
CONTINUA A LEGGERE

Edizione 2017 del Programma nazionale esiti

“I dati 2016 confermano che gli strumenti di analisi, valutazione e monitoraggio, come il PNE, sono essenziali per rafforzare lo stato di salute del SSN – dichiara Francesco Bevere, Direttore Generale di AGENAS- La valenza di uno strumento “diagnostico” come il Programma Nazionale Esiti è data dalla capacità di misurare il grado di qualità, efficienza ed equità con cui viene erogata l’assistenza sanitaria nel nostro Paese, nonché di rilevare come il sistema stia rispondendo agli interventi culturali e strutturali messi in atto per assicurare a tutti i cittadini le migliori cure. Se spostiamo l’obiettivo sui volumi di attività, i progressi, seppure ancora timidi, riscontrati dal PNE, testimoniano che abbiamo intrapreso la strada giusta e che la riorganizzazione in reti del sistema dell’offerta sanitaria, che vede l’Agenzia svolgere un ruolo di coordinamento in applicazione del DM 70, consentirà già nel prossimo anno di registrare ulteriori miglioramenti e di ridurre ulteriormente quella disomogeneità di cure tra e dentro alcune Regioni, che mina la capacità di assicurare a tutti condizioni di equità nell’accesso e nella fruizione dei servizi sanitari – continua Bevere –.I miglioramenti documentati da questa edizione del PNE testimoniano un decisivo contributo di tutto il personale sanitario capace di prestare assistenza sanitaria in condizioni di efficienza e di equità, nonostante le carenze di natura organizzativa e o di programmazione, presenti talvolta in alcuni contesti regionali. Eccellenze che emergono nonostante e a dispetto delle criticità”.
Leggi tutto a questo link

Al via il corso di Alta formazione AGENAS-IPASVI

“Il ciclo formativo è un tassello che non poteva mancare nel mosaico della riorganizzazione dell’assistenza sanitaria in cui è impegnata AGENAS, in ottemperanza al DM 70 che attribuisce all’Agenzia il coordinamento del processo di revisione delle Reti clinico assistenziali” – dichiara il Direttore Generale AGENAS, Francesco Bevere -. “Mettere il sistema salute nelle condizioni di prendersi cura di una popolazione sempre più longeva, con consequenziale aumento di patologie croniche e disabilità, richiede, parallelamente al lavoro di revisione dei modelli assistenziali, un investimento sul capitale umano, senza il quale non troveremmo la quadra. Oggi partiamo dal personale infermieristico, agevolando percorsi di investimento formativo sui nuovi compiti che dovrà svolgere, come quelli afferenti all’area manageriale e alla valutazione delle performance, in aggiunta a quelle abilità comunicative e di empatia che hanno reso questa professione tra le più vicine al cittadino”.

leggi tutto a quest link

Prevenzione anticorruzione in sanita’. Le dichiarazioni del Ministro Lorenzin, Cantone, Coletto e Bevere

“Il monitoraggio sul campo è necessario per comprendere se l’adeguamento da parte delle aziende sanitarie alle raccomandazioni in tema di trasparenza e prevenzione della corruzione è stato sostanziale o di facciata; se e come si è proceduto alla mappatura dei rischi, prima diga contro inefficienze e criticità gestionali. L’attività di verifica è, inoltre, una risposta dovuta del SSN alle segnalazioni dei cittadini che con fiducia hanno indicato disfunzioni e opacità”, conclude il Direttore Generale di AGENAS, Francesco Bevere.
Continua a leggere

“Le linee guida di AGENAS per tempestività e appropriatezza della presa in carico del paziente”

Connessione tra strutture ospedaliere secondo il modello Hub and Spoke, maggiore integrazione tra rete ospedaliera e servizi territoriali basata su specifici Percorsi Diagnostico Terapeutici Assistenziali (PDTA), condivisione di team multidisciplinari e multiprofessionali, adeguatamente formati, nonché stretto e puntuale monitoraggio dei tempi dei passaggi di setting assistenziale: sono i punti nodali attraverso i quali si articolano le reti tempo dipendenti, delineate nelle Linee guida redatte dall’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali.
“Il documento, attraverso la definizione dei requisiti generali che devono essere presenti in tutte le reti tempo-dipendenti, consente, tra l’altro, di poter disporre di un’omogeneità dei modelli di rete, necessaria al monitoraggio dell’attivazione e dell’adeguatezza delle reti nelle realtà regionali”. Afferma il Direttore Generale dell’AGENAS, Francesco Bevere: “Omogeneizzazione dei modelli di rete e attività di monitoraggio, dunque, affinché la risposta assistenziale ai bisogni di cure del paziente avvenga sempre in condizioni di appropriatezza, efficacia, efficienza, qualità e sicurezza, al Nord come al Sud”.
LEGGI TUTTO SUL SITO AGENAS

Bevere (Agenas), risponde ai direttori d’emergenza-urgenza

“Confidiamo nel proseguimento del confronto istituzionale”
Con cinque punti riassunti in una lettera i direttori di medicina d’emergenza-urgenza del Simeu avevano chiesto di risolvere le criticità del sistema dell’emergenza urgenza in Italia. La risposta di Francesco Bevere, direttore generale di Agenas, non si è fatta attendere. “Si confida – ha affermato Bevere – nel prosieguo del confronto istituzionale già in essere”
I direttori di medicina d’emergenza-urgenza, rappresentati dal Simeu (Società Italiana della Medicina di Emergenza-Urgenza), in una lettera indirizzata al Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, all’Istituto Superiore di Sanità nella persona del suo presidente Walter Ricciardi e all’Agenas, quindi a Francesco Bevere che la rappresenta, chiedevano un personale sanitario adeguato, per numero e competenze, un sistema di monitoraggio del sovraffollamento e strutture di emergenza-urgenza realmente organizzate. Non solo, chiedevano anche delle specifiche linee guida e raccomandazioni dedicate insieme a un nuovo impegno nella ricerca clinica in medicina d’emergenza. Sono queste le richieste che i direttori di Medicina d’emergenza-urgenza hanno avanzato per migliorare i pronto soccorso italiani.

Oggi, è Francesco Bevere, direttore generale di Agenas, il primo a rispondere ai cinque punti posti dal Simeu con una lettera. In essa si legge: “è noto come Agenas abbia da tempo incentrato il proprio impegno nel processo di revisione delle reti clinico-assistenziali, a partire dalle reti tempo dipendenti, coordinandone, su mandato del D.M. 70/2015 e in aderenza alle indicazioni in esso contenute, il relativo Tavolo Istituzionale composto dalla medesima Agenzia, dal Ministero della Salute e dalle Regioni e P.A.”.

“In questo contesto – prosegue Bevere nella lettera – Simeu è stata coinvolta come parte attiva in seno ai gruppi tecnici istituiti presso Agenas, proprio relativamente alle reti tempo dipendenti, le cui specifiche linee di indirizzo procedurali e organizzative sono state già trasmesse al Ministero della Salute per la conseguente approvazione in Conferenza Stato-regioni tramite il previsto Accordo”.

“Si confida – conclude Bevere – nel prosieguo del confronto istituzionale già in essere, in una fase dove la misurazione, l’analisi e il monitoraggio, unitamente alle attività formative e di ricerca, rappresentano le azioni strategiche per garantire omogenee condizioni di accesso ai livelli di assistenza, con riferimento ai diversi gradi di intensità di cure, a partire proprio dai contesti dell’emergenza-urgenza”.

Lorenzo Proia
LEGGI SU QUOTIDIANOSANITA’

Bevere Agenas: “Incarico a Guerra e motivo di orgoglio per il Paese”

“L’ufficializzazione da parte del Direttore generale dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus del panel di esperti di altissimo livello che andrà a comporre il suo nuovo staff, ci rende particolarmente onorati per la nomina di Raniero Guerra come Assistant Director General per le iniziative speciali . E’ un meritato successo per il Direttore Generale Guerra e motivo di grande orgoglio per il nostro Paese e per il Ministero della Salute italiano che ancora una volta ottiene un riconoscimento a livello internazionale.”

Così in una nota il Direttore generale AGENAS Francesco Bevere.

LEGGI SU QUOTIDIANOSANITA.IT